uomo truccato che indossa le cuffie

Tempo per creare

Mathias Kniepeiss

"Ciò che più mi piace dei servizi come questo", sorride Mathias Kniepeiss, "è che non guardo l'orologio. È un giorno libero per collaborare, imparare, sperimentare nuove idee e creare le migliori immagini che mi vengono in mente!"

Stiamo parlando del suo recente progetto "The Sound of Silence", realizzato con la fotocamera Sony α 7R IV, in cui Mathias ha collaborato con la società di produzione multimediale boxquadrat per creare una serie di immagini suggestive in stile pubblicitario.

donna con trucco scuro e oro che indossa le cuffie e sorride

© Mathias Kniepeiss | Sony α7R IV + FE 85mm f/1.8 | 1/160s @ f/7.1, ISO 100

"Lavorare all'interno di un team dovrebbe essere sempre stimolante", continua, "ma su un progetto nel tempo libero con amici di talento come Philipp Schulz di boxquadrat e un'abile truccatrice come Jasmin Simak, modelli e videomaker come Lauren Klocker, è stato particolarmente divertente. L'obiettivo era quello di creare ritratti pubblicitari di alta qualità con una straordinaria connessione visiva tra il volto umano e il prodotto, che in questo caso erano le cuffie Sony".

Oltre al trucco elaborato richiesto per questo servizio fotografico, uno dei principali elementi necessari per dare vita al progetto è stata l'abile illuminazione dello studio, in particolare per la serie di immagini in nero e oro. "È stata una grande sfida per noi creare esattamente le condizioni di scarsa illuminazione che volevamo", spiega Mathias, "per catturare le cuffie e il volto del soggetto in maniera ugualmente accurata".

Per lavorare con la modella, Lis O, Mathias e il suo team hanno usato due flash Profoto con stripbox, posizionati ai due lati, e un terzo flash con un grande softbox sopra. "Abbiamo cambiato spesso l'angolazione degli stripbox prima di essere pronti a scattare", spiega Mathias, "li abbiamo girati e spostati di circa 5 cm alla volta in modo che la luce mettesse in risalto la modella, le cuffie e nient'altro".

donna con trucco scuro e oro che indossa le cuffie

© Mathias Kniepeiss | Sony α7R IV + FE 85mm f/1.8 | 1/160s @ f/8.0, ISO 100

"Per le immagini dell'altro modello, Alexander Cohen, è stata una sfida diversa", continua, "perché con un effetto ad alta luminosità e le luci che illuminano sia lo sfondo bianco che il soggetto, è necessario mantenere un livello sufficiente di definizione sul volto per non farlo apparire troppo piatto. Inoltre, si rischia facilmente di sovraesporre e perdere i dettagli delle luci. Qui abbiamo voluto mantenere la trama della pelle e cogliere riflessi interessanti nei suoi occhi. Guardando da vicino si può vedere il riflesso degli stripbox, come l'occhio di un animale, e questo è stato un altro vantaggio di avere tempo per giocare e perfezionare la disposizione delle luci".

uomo truccato che indossa le cuffie

© Mathias Kniepeiss | Sony α7R IV + FE 85mm f/1.8 | 1/160s @ f/7.1, ISO 100

Il progetto "The Sound of Silence" ha dato a Mathias l'opportunità di sperimentare in studio la fotocamera α 7R IV e l'obiettivo FE 85 mm f/1.8: "Volevo ritratti che fossero davvero di alta qualità", spiega, "e l'α 7R IV è perfetta per questo scopo. La risoluzione di 60 megapixel è spettacolare e funzioni come la modalità Eye AF e la stabilizzazione dell'immagine incorporata permettono di godersi ogni pixel. Ingrandendo l'immagine si possono vedere la trama sottile della pelle, l'abilità del truccatore e persino la delicata struttura dell'iride".

E nonostante il trucco sensazionale, la fotocamera α 7R IV non ha avuto problemi con il tracciamento degli occhi. "Si è comportata in modo straordinario", continua Mathias, "e con la funzione Real Time AF, ha mantenuto la posizione sulla palpebra anche quando l'occhio era chiuso. Tutto questo nell'oscurità di uno studio fotografico! Ho apprezzato anche la facilità con cui si può passare ad altre modalità di messa a fuoco, ad esempio quando avevo bisogno di mettere a fuoco rapidamente il logo delle cuffie anziché l'occhio. La maneggevolezza agevola la selezione della modalità giusta e consente di spostarla rapidamente".

donna con trucco scuro e oro che indossa le cuffie e guarda di lato

© Mathias Kniepeiss | Sony α7R IV + FE 85mm f/1.8 | 1/160s @ f/8.0, ISO 100

Un'altra cosa che Mathias ha notato nello studio oscurato è la versatilità del mirino elettronico della fotocamera.

"L'enorme vantaggio di lavorare con una fotocamera mirrorless e di scattare con il flash da studio rispetto a una fotocamera digitale", spiega, "consiste nella possibilità di usare il mirino elettronico attivando o disattivando la modalità Live view. È stato davvero bello lavorarci, soprattutto sul set a scarsa illuminazione. Ciò significa che in una modalità posso vedere l'effetto dei flash e come stanno funzionando per costruire l'illuminazione, e poi passare all'altra modalità per ottenere una visione regolare che mi consenta di vedere correttamente le espressioni del volto e la composizione".
uomo truccato che indossa le cuffie e guarda di lato

© Mathias Kniepeiss | Sony α7R IV + FE 85mm f/1.8 | 1/160s @ f/7.1, ISO 100

Riassumendo il suo ultimo progetto "libero": "Sono davvero soddisfatto", Mathias sorride, "soprattutto perché le immagini si avvicinano molto a quello che avevo immaginato all'inizio. Quando mi viene un'idea all'inizio di un servizio fotografico, cerco di avvicinarmi il più possibile ad essa. Nel corso della giornata possono presentarsi molte sfide e ci si adatta e si impara, con l'aiuto del team e della tecnologia a disposizione, come la mia α 7R IV. Alla fine della giornata, ho imparato molto e ho scattato ottime foto: questo mi rende sempre felice!"

 

 

Prodotti in evidenza

Mathias Kniepeiss

Mathias Kniepeiss | Austria

"Nella fotografia nulla è impossibile, che si tratti di rendere eterne delle storie o di creare mondi mai visti."

Storie collegate

Iscriviti alla newsletter di α Universe

Congratulazioni! La tua iscrizione alla newsletter di α Universe è andata a buon fine

Immetti un indirizzo e-mail valido

Spiacenti! Si è verificato un errore

Congratulazioni! La tua iscrizione è andata a buon fine