enorme balena che nuota appena sotto la superficie dell'acqua

Tesori sommersi

Alexis Rosenfeld

"D'ora in poi, con i miei progetti, vorrei aumentare la consapevolezza", afferma il fotografo subacqueo Alexis Rosenfeld. "Con le mie fotografie voglio informare ed educare le persone affinché si impegnino a salvaguardare lo stato di salute e la vita degli ecosistemi marini sul nostro pianeta".
murena bianca e nera contro uno scoglio ricoperto di corallo

© Alexis Rosenfeld | Sony α7R II + FE 16-35mm f/2.8 GM | 1/125s @ f/11, ISO 800

L'esigenza di stimolare la consapevolezza su tematiche simili si ricollega direttamente all'ultimo progetto di Alexis, realizzato in collaborazione con l'UNESCO e intitolato "1 Ocean, The Anatomy", nell'ambito del programma "Decade of Ocean Sciences" dell'ONU, entrambi dedicati alla tutela dell'ambiente. "Accompagno la Commissione oceanografica dell'UNESCO e, attraverso le mie fotografie, voglio lanciare un appello per la tutela degli ecosistemi marini", spiega Alexis. "L'obiettivo è spiegare l'importanza delle scienze marine nella salvaguardia del pianeta. Se non si comprende questa correlazione, i nostri sforzi saranno vani".

medusa trasparente a spirale appena sotto la superficie dell'acqua

© Alexis Rosenfeld | Sony α7R III + FE 16-35mm f/2.8 GM | 1/250s @ f/10, ISO 1600

Uno dei temi su cui è incentrato il progetto riguarda l'esplorazione dell'ambiente sottomarino, con le sue dorsali oceaniche, le pianure, i vulcani sommersi e le fosse oceaniche. "Finora, dal un punto di vista tecnico, era complicato fotografare questi incredibili paesaggi sottomarini", spiega Alexis, "ma con l'avvento dell'alta risoluzione e dei sensori a sensibilità elevata come quelli delle mie fotocamere Sony α, è possibile lavorare a profondità maggiori, in condizioni di scarsa luminosità e raccontare storie impensabili in passato".

corallo dai colori vivaci

© Alexis Rosenfeld | Sony α7R III + FE 12-24mm f/4 G | 1/100s @ f/14, ISO 800

"Negli abissi la luce è scarsa", continua, "ma lavoro sempre con una velocità ISO di 800 e 1600 perché ho la certezza di ottenere una qualità dell'immagine eccezionale. Senza le mie attrezzature α, però, non potrei realizzare tutti gli scatti che voglio. Più si va in profondità, più la sensibilità è importante, in particolare quando hai bisogno di una maggiore velocità dell'otturatore per catturare l'istante, proprio come in questa foto, dove la balena si muove velocemente negli abissi. Questa immagine è stata scattata a 1/1250 di sec. In un ambiente sottomarino è un risultato incredibile, mai realizzato prima d'ora".

enorme balena che nuota placidamente

© Alexis Rosenfeld | Sony α7R III + FE 16-35mm f/2.8 GM | 1/1250s @ f/2.8, ISO 400

Oltre agli accorgimenti tecnici di proteggere le fotocamere Sony α7R II e III e gli obiettivi con una custodia impermeabile, in che modo Alexis realizza i suoi scatti in un ambiente sottomarino? "Per questo progetto", ci spiega, "ho usato un grandangolare e ho unito le immagini in modo da cogliere l'immensità di questi luoghi sommersi. Scatto diverse immagini singole che poi ricompongo al computer, in modo da aggiungere profondità e dare vita a visioni straordinarie".

bolle che risalgono dal fondo del mare

© Alexis Rosenfeld | Sony α7R II + FE 16-35mm f/4 ZA OSS | 1/320s @ f/14, ISO 800

Proprio come nella fotografia paesaggistica, la luce riveste un ruolo fondamentale, afferma Alexis, ma sott'acqua talvolta è il fotografo stesso che deve procurarsela. Questo intervento è visibile chiaramente nella fotografia intitolata "Smoking Land", una delle immagini preferite di Alexis di questa serie. Scattata al largo delle coste della Sicilia, a più di 80 m di profondità, "si trova un'area caratterizzata da un'intensa attività geotermica e rilasci di gas", spiega, "dove si formano questi incredibili camini vulcanici. La fotografia è stata scattata con un obiettivo FE 16-35 mm f/2.8 GM, uno dei miei preferiti per le immagini subacquee. Ho usato due flash e ho concentrato la luce e la messa a fuoco sui camini. Il sub sullo sfondo dà l'idea delle proporzioni, così come la retroilluminazione ottenuta con le due lampade LED da 10.000 lumen che tiene in mano".

sub che guarda due rocce illuminate dalle torce

© Alexis Rosenfeld | Sony α7R II + FE 16-35mm f/4 ZA OSS | 1/100s @ f/8, ISO 1600

In altre fotografie, Alexis adora mostrare la struttura del fondale marino con i pesci, come in questa immagine di un branco di pesci che nuota vicino a una gorgonia.

"Per illuminarli", spiega, "ho dovuto nascondere i flash sotto il corallo e aggiungerne un terzo per gli elementi in primo piano. Mi sono armato di tanta pazienza e del mio obiettivo FE 16-35 mm f/2.8 GM che mi ha permesso di cogliere l'immensità dell'ambiente sottomarino. Con questo obiettivo, inoltre, posso mettere a fuoco da vicino", continua, "un aspetto fondamentale quando sei sott'acqua, perché meno acqua c'è tra l'obiettivo e il soggetto, più nitide saranno le immagini e i colori più intensi".
pesci che nuotano dietro a rametti di corallo dai colori vivaci

© Alexis Rosenfeld | Sony α7R II + FE 16-35mm f/2.8 GM | 1/250s @ f/18, ISO 800

Anche la messa a fuoco sott'acqua può essere impegnativa, ma deve essere precisa, soprattutto in caso di incontri fugaci. Fortunatamente, i corpi macchina che usa Alexis offrono un valido supporto. "Per i paesaggi ho più tempo a disposizione, ma le balene pilota che ho fotografato si muovevano velocissime verso di me, per poi allontanarsi di nuovo, senza fermarsi mai. In questo caso ho usato l'autofocus continuo e mi sono affidato alla modalità spot flessibile della fotocamera, mettendo a fuoco il soggetto. Il risultato è straordinario, anche sott'acqua, e la nitidezza è sorprendente".

branco di balene visto dall'alto

© Alexis Rosenfeld | Sony α7R III + FE 16-35mm f/2.8 GM | 1/160s @ f/13, ISO 400

Il progetto "1 Ocean, the anatomy" dell'UNESCO avrà una durata decennale e per Alexis sarà l'occasione di fare altre incredibili scoperte. "Presto andremo in Polinesia francese, nel Mare di Alboran, nella parte meridionale del Mare Mediterraneo, per continuare ad occuparci di montagne e vulcani sottomarini", afferma. "Ogni volta si fanno incontri incredibili e quello che mi entusiasma di più è l'imprevedibilità delle situazioni. Ogni viaggio è unico, un'avventura verso l'ignoto, ma so che per ogni sfida che mi attende posso sempre contare sulle mie attrezzature Sony α".

Prodotti in evidenza

Alexis Rosenfeld

Alexis Rosenfeld | France

"Sotto la superficie c'è un altro mondo: il mio, dove tutto sembra una fiaba e ti lascia senza fiato."

Storie collegate

Iscriviti alla newsletter di α Universe

Congratulazioni! La tua iscrizione alla newsletter di α Universe è andata a buon fine

Immetti un indirizzo e-mail valido

Spiacenti! Si è verificato un errore

Congratulazioni! La tua iscrizione è andata a buon fine