due monaci bambini seduti su gradini di pietra davanti a un tempio

Va' dove ti porta il cuore

İlhan Eroğlu

Mentre il sole tramonta sullo stato di Rakhine, in Myanmar, İlhan Eroğlu, fotografo professionista specializzato in viaggi e paesaggi, punta l'obiettivo sugli antichi templi che si stagliano all'orizzonte ed emergono dalla giungla che circonda Mrauk-U. Immerso nella nebbia e accompagnato dalla sua α7R IV dotata dell'obiettivo FE 70-200 mm f/2.8 GM OSS, è riuscito a catturare l'immagine di due monaci bambini seduti sui gradini ai piedi di uno dei templi. "C'era un'atmosfera magica", ricorda, "era come viaggiare nel tempo. È stato un viaggio difficile, rischioso e stressante. Ma ne è valsa la pena".

abitanti del posto che spingono una barca su un fiume nella foresta birmana

© İlhan Eroğlu | Sony α7R III + FE 16-35mm f/2.8 GM | 1/200s @ f/4.5, ISO 320

Per ottenere quell'equilibrio tra rischio e ricompensa, spesso così importante nella fotografia di viaggio, İlhan è riuscito a raggiungere la città grazie all'aiuto di guide locali, dopo aver attraversato fiumi ed essere passato sotto l'occhio vigile dei soldati dell'esercito. Un tempo la città più importante della regione, Mrauk-U è stata dichiarata dall'UNESCO "Patrimonio dell'umanità", ma all'epoca il sito era chiuso ai turisti. İlhan vi aveva fatto tappa durante il suo viaggio in Myanmar. "Ho contattato diverse agenzie di viaggio", ci spiega, "e tutte mi ripetevano che non era sicuro viaggiare nel Paese a causa dei conflitti tra il governo e l'esercito Arakan locale".

Determinato a raggiungere la zona, si è messo in contatto direttamente con il proprietario di un hotel a Mrauk-U e ha organizzato il trasferimento sul "traghetto più decrepito e sporco che abbia mai visto! I sedili erano quasi sotto il livello dell'acqua e c'era solo un'altra straniera sul traghetto. Lavorava per l'ONU e anche lei come me era sorpresa che fossimo riusciti a metterci in viaggio. Abbiamo trascorso lì tre notti e riuscivamo a percepire la tensione delle persone. Sentivamo esplodere le bombe ed era vietato restare fuori dopo il tramonto. Ogni volta che incrociavamo i soldati sfiniti, con i loro vecchi fucili, trattenevamo il respiro".

donna birmana in una barca mentre controlla dei tessuti colorati

© İlhan Eroğlu | Sony α7R III + FE 16-35mm f/2.8 GM | 1/160s @ f/7.1, ISO 100

Determinato a realizzare i suoi incredibili scatti di viaggio, nonostante la tensione, e a sfruttare al massimo la situazione "anche in questo luogo così sperduto, sono riuscito a trovare dei fotografi locali che mi hanno suggerito alcuni luoghi interessanti da immortalare", racconta İlhan. "Di solito, individuo il luogo esatto con almeno un giorno di anticipo, calcolando il tempo necessario per raggiungerlo e per sistemare l'attrezzatura una volta arrivato, in modo da ottenere lo scatto perfetto. In questo caso, però, si è trattata di una combinazione di fattori: utilizzare l'attrezzatura giusta, studiare la composizione e sperare che il tempo sia dalla tua parte!"

Una delle immagini di İlhan scattate durante il suo viaggio mostra la sua capacità di trovare un sapiente equilibrio tra la composizione artistica e il colore.

"C'erano questi piccoli monaci che stavano giocando sulle terrazze di un enorme tempio bianco presso la pagoda di Hsinbyume", racconta. "Per realizzare questo scatto ho utilizzato la fotocamera α7R III e un obiettivo FE 16-35 mm f/2.8 GM: nella foto, le tonache rosse dei monaci si contrappongono al tempio completamente bianco. Quando realizzo fotografie di viaggio o paesaggistiche mi piace creare questi contrasti. Per le mie fotografie, mi lascio ispirare da diversi pittori anche nell'uso delle luci e delle ombre."
tre monaci bambini che saltano su terrazze di pietra bianca

© İlhan Eroğlu | Sony α7R III + FE 24-70mm f/2.8 GM | 1/500s @ f/10, ISO 160

Per catturare tutta la bellezza dei luoghi visitati, İlhan si affida alle principali caratteristiche delle sue fotocamere Sony α. "Per questo progetto, ho usato sia la fotocamera α7R III che il modello α7R IV", ci spiega," ideali da mettere in valigia. Oltre all'alta risoluzione, i sensori presentano una gamma dinamica incredibile che mi permette di catturare il maggior numero di dettagli sia nei punti illuminati che in quelli in ombra. Inoltre, riesco a ottenere risultati estremamente brillanti e nitidi anche in caso di scarsa luminosità, come quando fotografo di notte, all'interno dei templi o nella foresta".

Anche la maneggevolezza delle fotocamere ha contribuito al suo successo e İlhan ha apprezzato la durata della batteria dei modelli α7R III e α7R IV che gli ha consentito di fotografare per giorni e giorni senza dover ricaricare. "Inoltre, la fotocamera α7R IV in particolare", aggiunge "presenta un design ergonomico perfetto e posso tenerla in mano per ore senza stancarmi".

tre monaci con una tunica rossa di fronte a un tempio

© İlhan Eroğlu | Sony α7R III + FE 24-70mm f/2.8 GM | 1/200s @ f/8.0, ISO 200

Oltre alle fotocamere α, İlhan utilizza principalmente tre obiettivi Sony G Master per gli scatti di viaggio: i modelli FE 16-35 mm f/2.8 GM, FE 24-70 mm f/2.8 GM e FE 70-200 mm f/2.8 GM OSS. "Mi piace usare l'obiettivo FE 70-200 mm perché mi permette di creare composizioni stratificate", spiega, "che fanno risaltare la separazione tra il primo piano e lo sfondo. Il modello FE 16-35 mm è incredibile negli spazi ristretti, ad esempio all'interno dei templi, mentre l'obiettivo FE 24-70 mm è versatile e si adatta a diverse situazioni come i panorami e i ritratti".

Accompagnato dalla sua voglia di viaggiare e dall'attrezzatura giusta per realizzare immagini creative e artistiche, İlhan non vede l'ora di raccontare altre storie di viaggio nei mesi e negli anni a venire. Ha già in programma di visitare il Giappone, la Toscana, le Isole Faroe e l'Alaska. "Non so dire esattamente cosa deve trasmettere allo spettatore una bella foto di viaggio", conclude, "ma io fotografo i luoghi che mi ispirano e che suscitano in me emozioni incredibili. Se potessi rivolgermi a me stesso da giovane, gli direi: visita i luoghi più remoti che hai sempre sognato e fotografa ciò che riempie il tuo cuore".

Prodotti in evidenza

İlhan Eroğlu

İlhan Eroğlu | Turkey

"Per me il mondo è come una tela immensa. Le foto che scatto in ogni paese che visito mi aiutano a dipingerla."

Storie collegate

Iscriviti alla newsletter di α Universe

Congratulazioni! La tua iscrizione alla newsletter di α Universe è andata a buon fine

Immetti un indirizzo e-mail valido

Spiacenti! Si è verificato un errore

Congratulazioni! La tua iscrizione è andata a buon fine