Viaggiare leggeri. Cogliere l'attimo al volo. 

Petar Sabol 

Il fotografo Petar Sabol è la dimostrazione che usare una fotocamera bridge non significa scendere a compromessi. Anzi, dalle sue fotografie si capisce che offrono molti vantaggi.

Quando si pensa ai fotografi naturalisti, vengono in mente macchine fotografiche di grandi dimensioni, con obiettivi ancora più grandi. E il fotografo croato Petar Sabol non fa eccezione. Ma per un breve viaggio a Pusztaszer, in Ungheria, Petar ha lasciato a casa le solite attrezzature e ha portato con sé la Sony RX10 IV, un modello più piccolo e leggero.

“Usare una fotocamera relativamente piccola ma con uno zoom di portata così ampia è stata un’esperienza insolita. Il modello RX10 IV ha un obiettivo equivalente da 24-600 mm: è straordinario avere tutte queste caratteristiche in una sola macchina. Significa che se voglio viaggiare leggero, posso portare con me questa fotocamera. Posso scattare foto di paesaggi con l’obiettivo grandangolare dello zoom e avere comunque a disposizione un obiettivo equivalente da 600 mm.” 

petar-sabol-sony-rx10IV-close-up-of-insect-being-held-in-birds-beak

© Petar Sabol | Sony RX10 IV | 1/640 s @ f/5.6 ISO 2500

Gli obiettivi del modello Sony RX10 IV sono straordinari, ma non sono l'unica caratteristica che ha sorpreso Petar. Nel modello RX10 IV sono infatti integrate molte tecnologie della serie Alpha. 

“Questa fotocamera ha molti aspetti in comune con le quelle della serie Alpha. Le sue funzioni mi sono sembrate subito familiari. Sono riuscito a configurarla e ho iniziato a usarla in poco tempo”.  

Per i fotografi naturalisti i teleobiettivi sono uno strumento indispensabile, ma sono importanti anche altre funzioni, che hanno meno a che fare con la resa grafica e sono meno visibili. La prima è la velocità dello scatto: più è veloce l'acquisizione delle immagini, maggiori sono le probabilità di cogliere un momento magico. 

petar-sabol-sony-rx10IV-two-white-birds-flying-asymmetrically-against-blue-sky.

© Petar Sabol | Sony RX10 IV | 1/1250 s @ f/4.0 ISO 200

“Una delle immagini che preferisco, tra le foto che ho scattato con la fotocamera RX10 IV, è quella di due uccelli bianchi in volo, con le ali in direzioni opposte: quelle del primo sono rivolte verso l'alto, quelle del secondo verso il basso. Sono riuscito a ottenere questo scatto grazie alla modalità da 24 fps: mi ha permesso di cogliere il momento perfetto. Nella sequenza ci sono altri fotogrammi riusciti, ma il movimento non è sincronizzato come in quella foto. Sono riuscito a cogliere la frazione di secondo perfetta.”

Scattare a 24 fps è una cosa, mettere a fuoco in automatico l’obiettivo quando si fotografa a quella velocità è un’altra. 

petar-sabol-sony-rx10IVa-bird-pulls-a-fish-out-of-the-water-having-just-caught-it

© Petar Sabol | Sony RX10 IV | 1/500 s @ f/4.0 ISO 100

“La percentuale di immagini messe a fuoco perfettamente è molto alta, anche quando si scatta a 24 fps. L'autofocus è molto reattivo e sono rimasto stupito dalla velocità con cui controlla i soggetti, come nella foto di due spatole euroasiatiche in volo. La fotocamera riesce a seguire benissimo gli uccelli. Se altri elementi, come il ramo di un albero, entrano nell’inquadratura e interferiscono con la scena, l'autofocus resta comunque sul soggetto e continua a controllarlo. Tutto sembra possibile con questa fotocamera”. 

Alla fine dei conti, l’aspetto più importante è la qualità dell'immagine. Grazie al sensore da 1" con 20,4 megapixel integrato nella fotocamera RX10 IV, si ottiene non soltanto una risoluzione perfetta, ma si ha a disposizione una gamma dinamica straordinaria, che assicura la massima nitidezza sia nelle aree in luce che in quelle in ombra. 

petar-sabol-sony-rx10IV-bird-holding-a-roach-in-its-beak-close-up

© Petar Sabol | Sony RX10 IV | 1/500 s @ f/4.0 ISO 100

“Sono abituato ai 42 megapixel dei modelli α99 e α7R III, ma i 20 megapixel sono altrettanto efficaci, soprattutto se si ha uno zoom ampio. Con lo zoom extra si evita di intervenire troppo con il ritaglio, quindi 20 milioni di pixel sono sufficienti. Anche quando uso una sensibilità ISO più alta, la qualità dell'immagine è ottima. Sono rimasto molto stupido dalle prestazioni del sensore, soprattutto se le confronto con quelle dei sensori pieno formato usati in precedenza.” 

L’obiettivo della fotocamera RX10 IV non riesce solo a cogliere soggetti lontani, ma è ideale anche per fotografare con un’inquadratura ravvicinata. E Peter ne ha approfittato per scattare immagini di libellule.

petar-sabol-sony-rx10IV-close-up-of-dragonfly-perched-on-the-end-of-a-twig

© Petar Sabol | Sony RX10 IV | 1/125 s @ f/5.6 ISO 640

“Nelle inquadrature ravvicinate, la fotocamera è eccezionale. Se si guarda attentamente la foto, si riescono a vedere i dettagli più minuti. Degli occhi compositi si vedono tutti gli occhi più piccoli, come puntini. In alcune foto di libellule mi sarei potuto avvicinare di più al soggetto, ma ho preferito lasciare un po' di spazio attorno, in modo che l’immagine avesse maggior impatto.” 

petar-sabol-sony-rx10IV-butterfly-sitting-on-the-end-of-a-curled-leaf-stem

© Petar Sabol | Sony RX10 IV | 1/30 s @ f/8.0 ISO 125

“La farfalla è minuscola ed è stata ripresa con un obiettivo da 600 mm. Mi sono però avvicinato così tanto che è come se avessi usato un obiettivo macro. Sono riuscito a ottenere una discreta profondità di campo, per mettere a fuoco tutti i dettagli della farfalla, ma lo sfondo è rimasto comunque sfocato. Non distrae lo sguardo dal soggetto principale” 

Secondo Petar, il modello RX10 IV è ideale per la fotografia naturalistica, tanto che pensa di usarlo insieme alla fotocamere α7R III. “Si ottengono quasi le prestazioni di una DSLR in una sola fotocamera, senza per altro cambiare gli obiettivi.” 

 Prodotti in evidenza in questo articolo 

DSC-RX10M4

RX10 IV con AF 0,03 sec. / Zoom ottico 25x

Petar Sabol
alpha universe

Petar Sabol

Croazia

Cerco sempre di migliorare le mie foto, senza preoccuparmi del tempo e dell'impegno che mi richiedono. Ogni singolo ingrediente è fondamentale: luce, composizione, momento, storia e perfezione tecnica. Così, riesco a spingermi oltre i miei limiti e sono soddisfatto del processo di creazione.

Visualizza profilo