jan tichy sony alpha 7M2 couple in street

Il fotografo invisibile

Jan Tichy

Per Jan Tichy la fotografia di strada è una passione, una fonte di espressione artistica e tanto altro ancora. Si tratta di una palestra.

Chiunque abbia provato a fotografare per strada lo sentirà: il soggetto è impegnativo. Può essere duro lavoro, audace, esaustivo, anche adrenalinico. Dopo aver scattato in strada si cambia. Tutto questo, dice, lo rende un fotografo migliore, sia per la strada che per qualsiasi altra cosa.

jan tichy sony alpha 7M2, ragazza su autobus

© Jan Tichy | Sony α7 II + FE 55mm f/1.8 ZA | 1/60s @ f/1.8, ISO 100

“Sono davvero tante ke abilità che la strada può insegnare”, spiega Jan, “il modo in cui impari a controllare la fotocamera più velocemente e il modo in cui inizi a vedere le cose”. Ma soprattutto, è nel modo in cui si impara a reagire: si diventa più veloci, e si inizia a catturare sempre più di quei momenti che durano appena una frazione di secondo. Puoi usare tutte queste cose per ritratti, matrimoni o eventi in cui hai a che fare con le persone”.
jan tichy sony RX1, uomo che scende le scale

© Jan Tichy | Sony RX1 | 1/80s @ f/4.0, ISO 1600

"Come fotografo di strada, voglio rimanere invisibile, inosservato...". Non voglio rovinare il momento con la mia presenza. È lo stesso ora quando scatto foto a un matrimonio, e in entrambi i casi trovo che le persone appaiono più naturali quando non sanno che io sono lì. Le reazioni naturali sono il mio scopo. Alcuni fotografi di strada si divertono a far parte dell'immagine; amano reagire, ma io voglio essere invisibile".

Best of all, the street training camp, Jan says, is at your fingertips whenever you need it: “You can shoot street anywhere and at any time. And it’s addictive: you start to like it and you spend as much of your free time as possible doing it.” This brings us to one of the street training camp’s best rules; you should always have a camera with you. Knowing that street photography is all about opportunity, Jan carries a camera all the time, whether it’s his Sony α9 or RX1. “Everything I shoot in street is opportunistic. Everything. And there’s always something to shoot, even if I’m just waiting for a bus or a tram. You only get one chance. You can’t take it again. I guarantee if I leave my camera at home for one day I will see the most amazing thing and regret it!”

jan tichy sony alpha 7M2, donne che corrono in strada

© Jan Tichy | Sony α7 + FE 55mm f/1.8 ZA | 1/40s @ f/1.8, ISO 100

Quali sono quindi le tecniche che lo aiutano a scattare senza farsi vedere? In parte si tratta dell’approccio, afferma, e in parte mi aiuta la tecnologia. “In realtà una delle prime cose che mi aiuta è uno schermo inclinabile, così posso scattare all’altezza della vita. In questo modo le persone non mi vedono, e quindi si comportano in modo naturale. Quando si compone in questo modo, la gente pensa che io stia regolando la fotocamera o controllando gli scatti, ma in realtà si può scattare. Questa tecnica di scattare all’altezza della vita è davvero importante per il mio stile”. 

Ed è anche un vantaggio, afferma Jan, scattare in luoghi e a orari molto affollati, dove oltre a trovare più soggetti, si possono scattare foto a persone che sono troppo distratte per concentrarsi sulla presenza di un fotografo. Preferisce lavorare anche in località turistiche, “dove tutti hanno una macchina fotografica in mano”.

jan tichy sony alpha 7M2, strada affollata

© Jan Tichy | Sony α7 II + FE 55mm f/1.8 ZA | 1/1000s @ f/1.8, ISO 400

Un altro modo per evitare l'attenzione e rendere più accattivanti le immagini delle strade è quello di trovare una buona composizione, o una buona luce, e aspettare che i soggetti entrino nella scena. Questo Jan lo fa spesso, lo vede come un modo più efficiente di catturare un momento rispetto ad andare a caccia di soggetti da fotografare. “La cosa più complicata della strada è catturare un momento eccezionale, perché non si sa quando o dove accadrà. A volte si ha fortuna, ma mi piace trovare una composizione e mettermi ad aspettare. Potrebbe essere una bella cornice o un riflesso... poi aspetto che le persone vi passino attraverso, interagiscano, o che accada qualcosa. Le persone in realtà pensano di essere entrate per sbaglio nella foto e si scusano, il che è una cosa positiva, in quanto non si rendono conto di essere i soggetti!”

Lui imposta la macchina fotografica in un modo particolare, mantenendo tutto il più semplice possibile, in modo da non sprecare tempo ed energia sulle impostazioni quando può semplicemente osservare e scattare. "In questo modo posso reagire più rapidamente”, continua, “conosco alcuni fotografi che vogliono sempre cambiare, ad esempio, le modalità di misurazione a seconda di ciò che stanno riprendendo. Ma questo non farebbe che rallentarmi. E lascia più spazio agli errori. Mantengo tutto neutrale, standard, così posso anche lavorare con una sola mano”.

Scena in strada ad angolazione bassa, jan-tichy sony alpha 7M2

© Jan Tichy | Sony α7 II + FE 55mm f/1.8 ZA | 1/2000s @ f/1.8, ISO 100

"Scatto dando priorità al diaframma, ma lo uso con Auto USO. Si tratta di una funzione molto utile perché seleziona il tempo di posa più lungo che si possa mantenere, in base all'ISO più elevato che si desidera utilizzare. L'ho impostato a circa 1/500 di secondo e non andrà al di sotto, invece di spingere l'ISO, e queste fotocamere gestiscono la rumorosità in modo davvero eccezionale. Posso passare dal sole all'ombra ed essere certo che la fotocamera si adatterà.

Per la messa a fuoco, Jan utilizza il Continuous AF continuo con il punto di messa a fuoco automatica più piccolo selezionabile, spostandolo a piacere. Ma dipende anche dall’Eye-AF della α9, "soprattutto, quando non riesco a controllare la messa a fuoco sullo schermo. Più ampia è la zona, maggiore è il margine di errore, quindi se potessi lo renderei ancora più piccolo! E scatto solo fotogrammi singoli, non tante immagini di seguito a 20fps. Questo mi aiuta a concentrarmi sul momento specifico.”

Ma ci sono casi in cui la necessità di catturare il momento ha la precedenza sugli aspetti tecnici di nitidezza? "Sì, penso che se il momento o l’emozione lo meritano, a volte posso chiudere un occhio e dire “non è uno scatto perfetto, ma lo selezionerò perché è vero”. Come l'immagine delle donne che attraversano la strada, sono quasi tutte sfocate, ma l'ho mantenuta perché aveva energia, più che nitidezza. La nitidezza è importante, è necessario sapere come ottenerla, ma non da sola non basta per un'eccezionale foto in strada, è solo un valore aggiunto. Ogni immagine è fatta di strati: la luce, la messa a fuoco, la composizione, il racconto... più se ne riescono a inserire, più si cresce e si migliora”.

Prodotti in evidenza

Jan Tichy

Jan Tichy | Repubblica Ceca

"La fotografia mi ha fatto il regalo più bello che potessi ricevere: guardare il mondo da una prospettiva unica. Attorno a noi c'è tanta bellezza, c'è tanta magia che aspetta solo di essere colta. Bisogna solo continuare a cercare e tenersi sempre pronti."

Iscriviti alla newsletter di α Universe

Congratulazioni! La tua iscrizione alla newsletter di α Universe è andata a buon fine

Immetti un indirizzo e-mail valido

Spiacenti! Si è verificato un errore

Congratulazioni! La tua iscrizione è andata a buon fine