Un paesaggio diverso

Páll Stefánsson

"Fotografare un paesaggio sta tutto nella luce, e la luce più strana compare quando è il meteo a farla da padrone", dice il fotografo islandese Páll Stefánsson. Nel corso degli anni Páll si è lasciato trasportare dal meteo in continua evoluzione dell'Islanda, forse più delle migliaia di fotografi che ogni anno viaggiano nella sua patria.

"Quando il tempo è brutto puoi trovarti nei luoghi più fotografati in Islanda e non vedere un altro fotografo, ma quando la luce di mezzogiorno è al suo massimo avrai centinaia di fotografi intorno, tutti in fila per scattare la stessa foto nella stessa luce. Vorrei dire loro “per favore, tornate domani, le previsioni meteo sono pessime”, ma penserebbero che sono pazzo”.

pall stefansson sony RX1RII, paesaggio vulcanico islandese
© Páll Stefánsson | Sony α7R II + 90mm f/2.8 Macro G| 1/640s @ f/6.3, ISO 100

Le condizioni meteo e la luce possono cambiare molto rapidamente in Islanda, ma piuttosto che un ostacolo, per Páll è uno stimolo. Il tempo e la luce che cambiano gli permettono di avere una visione sempre diversa dei paesaggi che gli stanno di fronte, a cui può ispirarsi: “Non ho mai pianificato lo scatto che farò perché le immagini dei paesaggi mi vengono in mente in modo naturale. La fotografia dei paesaggi deve essere libera, perché la luce è il fattore più importante. Sono costantemente in movimento, cammino, faccio escursioni, guido e sono sempre vigile - devo fermarmi se c'è una scena interessante.”

pall stefansson sony alpha 7RII, cavalli al pascolo su paesaggio islandese
© Páll Stefánsson | Sony α7R II + 90mm f/2.8 Macro G| 1/640s @ f/6.3, ISO 100

Páll ritiene anche che la lunghezza dei giorni in Islanda abbia un impatto enorme sui suoi scatti: “I giorni in estate possono essere davvero lunghi, purché ci sia sempre qualcosa da vedere e una luce interessante. Tuttavia, a dicembre ci sono solo 3 ore di luce diurna. È una vera sfida se devo percorrere 500 km e ho solo poco tempo per scattare le mie foto”. 

pall stefansson sony alpha 99II, panorama di vulcano islandese dall’alto

© Páll Stefánsson | Sony α99 II + 135mm f/1.8| 1/2000s @ f/4.0, ISO 100

Sebbene utilizzi una Sony α7R III per fotografare i paesaggi, gran parte del modo in cui Páll la utilizza deriva da 30 anni di riprese su pellicola, principalmente con fotocamere di medio formato. 

“Non riguardo quasi mai la macchina fotografica, scatto ancora quasi come se stessi usando la pellicola e non uso quasi mai immagini HDR. Inoltre, non scatto molte foto: la prima immagine del mio recente libro è stata la prima e l'unica che ho scattato. Sapevo di avere l'immagine che cercavo, quindi perché dovrei comporla diversamente?”

Tutte le immagini del recente libro di paesaggi islandesi di Páll sono state scattate in un periodo di due anni, un approccio che adotta per mantenere attuale il suo lavoro: “Non mi piace guardare indietro perché penso che sia importante per i fotografi fare e vedere cose nuove e diverse. Mi piace guardare avanti e penso ancora che sto migliorando come fotografo”.

pall stefansson sony RX1RII, riflesso di porto islandese su barche
© Páll Stefánsson | Sony RX1R II| 1/160s @ f/6.3, ISO 200

“Non ho mai usato un obiettivo con zoom in vita mia. Scatto il 95% delle mie immagini con solo tre lunghezze focali: 35 mm, 50 mm e 85 mm. Penso che quando si riduce l'attrezzatura a pochi obiettivi, l'occhio si affina e sai quale delle lenti usare e come avvicinarti alla scena”.

Spiega che tutti e tre gli obiettivi che utilizza sfruttano al massimo il sensore a fotogramma intero della sua fotocamera e come gli consentono di utilizzare poca attrezzatura pur ottenendo una varietà di scatti diversi: “Gli obiettivi hanno una qualità e un bokeh a cui ero abituato dalla mia fotocamera e dai miei obiettivi di medio formato e sono così buoni perché si possono utilizzare sia per i paesaggi che per i ritratti. Posso scattare ritratti a f/1.4 e ottenere uno sfondo meraviglioso e occhi nitidi, oppure posso scattare paesaggi a f/8 e avere tutto a fuoco, dal primo piano allo sfondo. È lo stesso obiettivo, ma le immagini hanno un aspetto e una sensazione molto diversi: è come avere due obiettivi in uno".

pall stefansson sony alpha 7RII, montagne islandesi innevate

© Páll Stefánsson | Sony α7R II + 85mm f/1.4 GM| 1/1250s @ f/5.6, ISO 100

Un altro strumento immancabile nella borsa di Páll è la fotocamera compatta Sony RX1R II, che a suo avviso aggiunge una nuova dinamica alla sua fotografia. “Amo le immagini quadrate scattate con fotocamere di medio formato, quindi quando ho visto che la fotocamera aveva una modalità di immagine quadrata mi sono detto: “wow”. Mi piace comporre immagini in formato quadrato - è una sfida, ma quando si ottiene il risultato giusto è davvero fantastico”. 

pall stefansson sony alpha 7RII, panorama islandese con delta del fiume

© Páll Stefánsson | Sony α7R II + 90mm f2.8 Macro G| 1/1250s @ f/8.0, ISO 200

Consigli per panorami unici

Prova a limitarti a uno o due obiettivi fissi. Ti aiuterà ad affinare l'occhio per un'immagine e a farti fotografare meglio.

Non farti intimorire dal brutto tempo. Raramente vediamo immagini scattate in questi momenti, quindi le immagini saranno uniche, e subito dopo una tempesta il cielo e la luce sono incredibili.

Scatta immagini quadrate. Prova a sperimentare con le immagini quadrate: puoi creare una piccola cornice quadrata per lo schermo della fotocamera e provare a ritagliare immagini quadrate dopo averle scattate.

 Prodotti in evidenza in questo articolo 

ILCE-7RM2

α7R II con sensore di immagine full-frame retroilluminato

ILCA-99M2

α99 II con sensore di immagine full-frame retroilluminato

DSC-RX1RM2

RX1R II Fotocamera compatta professionale con sensore da 35 mm

TEST
SEL90M28G

FE F2,8 Macro G OSS da 90 mm

SEL85F14GM

FE 85 mm F1,4 GM

SAL135F18Z

Sonnar T* 135 mm F1,8 ZA

Alejandro Ceresuela
Alpha Universe

Páll Stefansson

Islanda

"Il mio modo di fare fotografia dipende dalla direzione in cui soffia il vento. Amo le sfide sopra ogni cosa, anche le più piccole."


x