albert dros sony alpha 7RII albero solitario all'alba inondato da una luce viola intensa

Tecniche fotografiche | Paesaggi a colori

Albert Dros

Il colore è molto importante nelle mie foto di paesaggi. Il panorama può essere molto suggestivo, con colori vividi e intensi, oppure avere tonalità più tenui: quello che conta, per me, è mostrare a chi guarda l’effetto incredibile creato dalla luce e dal colore.

albert dros sony alpha 7RIII un'aquila sorvola montagne vulcaniche illuminate da un'intensa luce arancione

© Albert Dros | Sony α7R III + FE 100-400mm f/4.5-5.6 GM OSS | 1/320s @ f/7.1, ISO 100

Pianificazione della location

Tutto parte dalla pianificazione. Passo molto tempo a cercare i posti da ritrarre nei miei scatti, soprattutto nel mio paese d'origine, l'Olanda. Bisogna tenere sempre gli occhi aperti, perché il posto migliore potrebbe essere quello in cui sei passato centinaia di volte.

Se vogliamo andare più lontano, ci sono tanti modi per cercare il luogo ideale, da Instagram a Google Immagini. Ti aiutano a farti un'idea dell'ambiente e della luce con cui potresti lavorare. Quando cerco un posto più fuori mano, uso Google Earth: passo ore e ore a guardare i paesaggi e i luoghi che potrei fotografare. Una volta sul posto, uso un drone per individuare i punti migliori, così non devo sprecare tempo e fatica a cercarli. Per ottenere il colore giusto, devo sapere come sarà la luce, conoscere l'ora e il punto in cui il sole o la luna sorgeranno e tramonteranno. L'app PhotoPills mi aiuta tantissimo a seguire i movimenti del sole e della luna e a prevedere che effetto avranno sulla luce nel luogo che ho scelto.

albert dros sony alpha 7RIII un faro in lontananza con il sole nascente che fa capolino

© Albert Dros | Sony α7R III + FE 12-24mm f/4 G | 13s @ f/10.0, ISO 200

Tengo sempre d'occhio anche il meteo, perché ha un grande effetto sui colori di una fotografia. Se va tutto come previsto e le condizioni atmosferiche sono dalla mia parte, la luce perfetta si ha appena prima dell'alba e subito dopo il tramonto, quando il sole si tinge di rosso, rosa o violetto, i colori intensi che amo tanto. Scatto fotografie anche di notte. Il cielo notturno ha mille sfumature che si possono cogliere con tempi di esposizione lunghi, soprattutto nelle aree senza inquinamento luminoso.

In generale, comunque, quello che cerco sono i colori complementari. Una delle mie combinazioni preferite è quella di blu e arancione, ad esempio un mare azzurro sovrastato da un cielo arancione. Oppure possono essere anche piccoli dettagli in primo piano, come un sasso o un fiorellino, che si abbinano al colore del cielo. Il mio consiglio è di cercare questi elementi e provare a usarli nelle composizioni.

albert dros sony alpha 7RIII montagne lontane riflesse su un lago calmo con fiori viola in primo piano

© Albert Dros | Sony α7R III + FE 12-24mm f/4 G | 1/4s @ f/11.0, ISO 200

Per dare risalto a piccoli soggetti colorati in primo piano, uso obiettivi grandangolari come il 12-24mm f/4 G a 12 mm. Con questa lunghezza focale, quanto ti avvicini al suolo vedi all'improvviso tutte le linee e i dettagli che puoi usare come soggetti in primo piano. A 12 mm il primo piano diventa così grande che si ha l'impressione di essere risucchiati nell'immagine.

Uso sempre anche l'obiettivo master Sony FE 100-400mm f/4.5-5.6 OSS G. Ha uno degli zoom più nitidi che abbia mai usato e ora non posso più farne a meno. Quando riprendi un paesaggio a 400 mm, devi essere molto creativo: devi guardare lontano e vedere come si combineranno i diversi elementi del paesaggio. Le riprese con lunghezze focali così estreme ti spingono a essere creativo e il risultato sarà un'immagine più particolare di quella che otterresti con una lunghezza focale standard.

In passato montavo gli obiettivi su una fotocamera Sony α7R II, ma ora sono passato a Sony α7R III. La risoluzione da 42,4 megapixel mi permette di ottenere tutti i dettagli che voglio e il range dinamico li mette in risalto anche nelle zone d'ombra. Oltre alla fotocamera, agli obiettivi e al treppiede, porto sempre con me alcuni filtri, ma uso raramente quelli a densità neutra graduale. Tendo piuttosto a regolare l'esposizione sulle aree più luminose perché so che la fotocamera α7R III è sempre in grado di cogliere molti dettagli nelle aree in ombra, che poi posso far emergere durante la fase di editing.

albert dros sony alpha 7RII piccola chiesa all'ombra di una montagna con i picchi illuminati di un arancione dorato

© Albert Dros | Sony α7R II + FE 55mm f/1.8 ZA | 1/1.6s @ f/11.0, ISO 100

Editing

Nella fase di editing mi piace lavorare sull'immagine per ottenere il meglio da una scena, ma non la falsifico mai modificando il cielo: le tecniche di elaborazione mi servono per raffigurare al meglio ciò che è già presente. Per questo catalogo gli scatti con Adobe Lightroom e poi uso Adobe Photoshop per le modifiche, regolando colore e contrasto e valorizzando l'immagine con gli strumenti scherma e brucia.

Oggi si sente spesso dire che nella fotografia c'è troppa rielaborazione o persino che le immagini possono sembrare false, specialmente quando ritraggono albe e tramonti. Ma la luce e i colori naturali possono essere incredibili: a volte mi è capitato di dover ridurre la saturazione in alcune parti dell'immagine. Il mio consiglio è quindi di alzarsi presto la mattina e vedere cosa la natura è capace di fare.

albert dros sony α7RII borgo di mare pittoresco al tramonto del sole, con il cielo striato di nuvole rosse

© Albert Dros | Sony α7R II + 24-70mm f/2.8 GM | 15s @ f/9.0, ISO 50

Alcuni consigli finali:

Prodotti in evidenza

Albert Dros

Albert Dros | Netherlands

"Sono ossessionato dallo scatto perfetto"

Iscriviti alla newsletter di α Universe

Congratulazioni! La tua iscrizione alla newsletter di α Universe è andata a buon fine

Immetti un indirizzo e-mail valido

Spiacenti! Si è verificato un errore

Congratulazioni! La tua iscrizione è andata a buon fine