Alpha Universe - La storia

Tecniche di ripresa | Sul campo da rugby con Terry Donnelly

Se mi occupo di foto sportive è per tutte quelle storie che si nascondono dietro l'evento principale. Infatti, anche se è importante, quello che succede sul campo è solo una delle storie che possono essere raccontate.

Come faccio a raccontarle con le mie foto? Ecco alcuni spunti e idee.

Come iniziare

Per avere successo, un fotografo deve conoscere lo sport che vuole fotografare, sapere come si svilupperà una partita ed essere in grado di anticipare le mosse dei giocatori. Solo così potrà cogliere l'attimo e immortalare l'azione al momento giusto, anche perché c'è solo un'occasione per fotografare un gol o una meta.

terry donnelly sony alpha 7RIII foto grandangolare di un campo di rugby prima della partita, con fiamme al bordo campo

© Terry Donnelly | Sony α9 + FE 12-24mm f/4 G | 1/500s @ f/4.5, ISO 2000

Con sport frenetici come il rugby, non c'è tempo per riflettere su come cambiare le impostazioni della fotocamera o su quali obiettivi utilizzare. Bisogna seguire una specie di istinto naturale, che interviene solo se conosci bene lo sport che stai fotografando e se possiedi l'attrezzatura e l'esperienza giuste. Se sei alle prime armi, comincia dalla base. Trova uno sport che ti appassiona e impara a conoscere la tua fotocamera facendo tanta pratica.

terry donnelly sony alpha 9 giocatore di rugby che salta mentre segna una meta

© Terry Donnelly | Sony α9 + FE 70-200mm f/2.8 GM OSS | 1/2000s @ f/2.8, ISO 640

Strategie per immagini spettacolari

Durante una partita, cerco di fare attenzione a momenti particolari, che possano raccontare una storia o semplicemente fare notizia. Per esempio, quando mi trovo in uno stadio di rugby, mi concentro sulle azioni acrobatiche verso la meta, sulle emozioni e sui festeggiamenti, sui placcaggi più entusiasmanti. Tutti questi scatti raccontano qualcosa di unico e funzionano bene sia sui social media che sui quotidiani nazionali.

Per ottenere lo scatto giusto, bisogna anche avere la giusta visuale. Questo dipende soprattutto dai limiti imposti dagli stadi, ma anche dall'interesse per una singola squadra o un singolo giocatore. Per esempio, se un giocatore scende in campo per la centesima volta o è probabile che raggiunga un nuovo record durante una partita, faccio molta attenzione a scegliere la postazione e l'angolazione da cui scatto. Solo così sono abbastanza certo di riuscire a inquadrare quel momento sensazionale.

terry donnelly sony alpha 9 due giocatori placcano un avversario mentre cerca di segnare una meta

© Terry Donnelly | Sony α9 + FE 70-200mm f/2.8 GM OSS | 1/3200s @ f/2.8, ISO 640

Le attrezzature più adatte

Di solito uso sia la fotocamera α9 che α7R III. La prima va bene in ogni situazione: la associo spesso all'FE 400 mm f/2,8 G Master o all'FE 70-200 mm f/2,8 G Master, che riescono a catturare anche azioni molto rapide.

α7R III è invece perfetta per gli scatti grandangolari, insieme all'FE 16-35 mm f/2,8 G Master e all'FE 24-70 mm f/28 G Master, a seconda dello stadio in cui lavoro o del tipo di scatto che cerco. Mi capita di utilizzare α7R III anche per gli scatti in lontananza: la posiziono dietro la linea di meta in modo da catturare le mosse più importanti.

Con questi obiettivi riesco a inquadrare tutte le azioni sul campo a prescindere dal punto in cui mi trovo.

terry donnelly sony alpha 9 giocatore di rugby sfreccia con un'espressione determinata, la palla tra le mani

© Terry Donnelly | Sony α9 + FE 400mm f/2.8 GM OSS | 1/2000s @ f/2.8, ISO 1600

Le impostazioni giuste

Scatto sempre in esposizione manuale. Prima che inizi il match, faccio la lettura esposimetrica dall'erba al centro del campo e poi blocco l'esposizione rilevata. In questo modo tutte le immagini hanno un'esposizione costante dall'inizio alla fine della partita.

Quando fotografo uno sport così dinamico, l'autofocus continuo fa tutta la differenza, perché so che ogni scatto risulterà perfettamente nitido. A volte imposto la messa a fuoco in modo che venga attivata da un pulsante sulla parte posteriore della fotocamera. Il pulsante dell'otturatore, a questo punto, esegue solo lo scatto, mentre il pulsante posteriore, in genere l'AE-L, attiva l'autofocus della fotocamera. In questo modo, quando uso il pulsante dell'otturatore, non c'è ritardo tra la pressione del comando e l'acquisizione dell'immagine.

terry donnelly sony alpha 9 giocatore di rugby sfreccia con la palla tra le mani

© Terry Donnelly | Sony α9 + FE 400mm f/2.8 GM OSS | 1/3200s @ f/2.8, ISO 200

Infine, se vuoi concentrarti sull'azione, l'ideale è fotografare a 20 fps. Hai più opportunità, secondo me, per scattare la foto perfetta di una mossa decisiva. Fotografare la palla durante un tiro è fondamentale, è un'emozione fondamentale da trasmettere: se non riesci a catturarla, non ci sarà un secondo tentativo e tutti gli altri sforzi saranno stati vani.

Prodotti in evidenza

ILCE-9

α9 con sensore CMOS full-frame a strati

ILCE-9

ILCE-7RM3

Fotocamera full-frame α7R III 35 mm con autofocus

ILCE-7RM3

SEL1224G

FE 12-24mm F4 G

SEL1224G

SEL70200GM

FE 70-200 mm F2,8 GM OSS

SEL70200GM

SEL400F28GM

FE 400 mm F2,8 GM OSS

SEL400F28GM

Articoli correlati

Terry Donnelly
Alpha Universe

Terry Donnelly

Regno Unito

"Scatto fotografie di diversi generi ma uso un insieme di competenze trasversali che rendono il mio lavoro più incisivo. Ho sempre amato tanti generi fotografici e sono fermamente convinto che dovremmo riprodurre ciò che amiamo di più, perché questo ci fa crescere."

Visualizza profilo


x